Milano 2019 : 12 ottobre, 3 novembre, 1 dicembre 

Roma 2020 : 11 gennaio, 8 febbraio, 7 marzo

Palermo 2020: 4 aprile, 9 maggio, 6 giugno


Programma

Modulo 1 : Storia e Antropologia dell'influenzamento psichico, Programmazione e Progettazione del lavoro, Neuroscienze e T.A. (20 ore)
Nuclei tematici fondamentali:
• Radice storiche e nascita del t.a.
• Fenomenologia dell'autorilassamento.
• La metodologia autogena, un percorso di apprendimento, obiettivi a breve e lungo termine, gestione delle esercitazioni
• La coscienza nelle neuroscienze, Mappe degli stati di coscienza, Sistemi ergotropico e trofotropico.
• La neurofenomenologia (il fenomeno emergente e le metodologie in prima persona)
Obiettivi formativi:
• Individuare e descrivere i fenomeni dell'autogenia.
• Saper distinguere un processo autogeno da uno eterogeno.
• Conoscere le caratteristiche fondamentali della ritualità autogena e i suoi principi bionomici.
• Descrivere il numero degli incontri standard per l'apprendimento del t.a. e sue evoluzioni.
• Saper descrivere il ruolo e il compito dell'operatore di training autogeno di base come figura professionale clinica e non clinica.
• Saper distinguere uno stato di coscienza amplificato autogeno da altri stati di coscienza.

Modulo 2: Psicodinamica del processo autogeno, Le applicazioni in campo clinico e non clinico, La psicoterapia autogena. (30 ore)
Nuclei tematici fondamentali:
• I diversi tipi di concentrazione attiva e passiva. I diversi stadi del percorso autogeno.
• Elementi costitutivi del processo autogeno.
• Questionario anamnestico e questionario di apprendimento.
• Il T.A. in gruppo, nel parto, con gli anziani, in campo educativo e scolastico.
• Disturbi psicosomatici e problematiche nevrotiche con il T.A.
• L'impiego della tecnica come aspetto ludico formativo e nello sport.
• Il T.A. nel lavoro e nella gestione delle situazioni di emergenza.
Obiettivi formativi:
• Saper proporre e utilizzare questionari e strumenti di valutazione dell'apprendimento della tecnica autogena.
• Realizzare azioni e progetti ludici ed educativi in diversi ambienti sociali (minori, diversamente abili e anziani).
• Riconoscere sintomi psicosomatici influenzabili con il t.a. e sintomi autogeni che scaturiscono dalla tecnica.
• Realizzare programmi di lavoro per sportivi, atleti e ambienti di lavoro.

Modulo 3 trasversale Laboratorio di esercitazioni autogene. (20 con un minimo di 10)
Nuclei tematici fondamentali:
• Esercitazioni pratiche di propriocezione corporea. (Ascolto consapevole)
• L'autogenia nella routine quotidiana ed Esperienza della calma.
• Documentare con il protocollo gli esercizi.
• La condivisione in gruppo delle esercitazioni.
• Esercizi fondamentali (pesantezza e calore) ed esercizi complementari (cuore, respiro, plesso solare e fronte fresca).
Obiettivi formativi:
• Acquisizione dell'orientamento all'ascolto corporeo e della fenomenologia del Sentire.
• Capacità di trasmettere con esemplificazioni l'esperienza della presenza mentale e le diverse tipologie di influenzamento psichico.
• Saper dimostrare il valore del protocollo come un documento funzionale delle esercitazioni.
• Saper organizzare esercitazioni in gruppo sui diversi esercizi standard.